Categoria: Convegni e Conferenze

 

Atti IX Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali

Quando in Italia inizia l’emergenza coronavirus, è il 20 febbraio, il convegno è pronto: un anno di lavoro, circa 50 contributi ammessi, numerosi iscritti, disponibilità di una sede istituzionale, autorizzazioni esclusive per poter visitare alcune cavità artificiali di Palermo ed effettuare interessanti escursioni nei complessi ipogei del territorio circostante. Subito dopo, però, le progressive restrizioni alle attività permesse sul territorio nazionale, conseguenti alle norme emanate da vari livelli istituzionali per contrastare l’epidemia da COVID-19, cominciano a fare sentire i loro effetti. Il 23 febbraio viene revocata, in via cautelare, l’autorizzazione all’uso della sede prevista per lo svolgimento del convegno. Individuiamo quindi una nuova possibile sede e iniziamo a modificare tutta la logistica dell’evento, ma il primo di marzo vengono diramate ulteriori misure restrittive, con divieto di utilizzo di strutture pubbliche per eventi di tipo assembleare. Le successive restrizioni imposte dal DPCM dell’8 marzo renderanno impraticabile anche questa ipotesi, precludendo ogni possibilità di svolgere il convegno con modalità che prevedano una compresenza dei partecipanti.

Non volendo deludere attesa e aspettative, abbiamo deciso quindi di svolgere il convegno in via telematica nella sola giornata del 20 marzo, il che ha comportato una ennesima, velocissima riorganizzazione, resa possibile anche grazie alla collaborazione imprescindibile dei tecnici informatici INGV, che hanno fornito il loro supporto all’approntamento della piattaforma software necessaria alla realizzazione del convegno.

Il focus delle tematiche è stato rappresentato dalla sessione dedicata alle Antiche opere idrauliche, che avrebbe dovuto svolgersi in concomitanza con la Giornata Mondiale dell’Acqua, che ha preso in esame, in particolare, i sistemi di raccolta delle acque meteoriche (pioggia e neve), che oggi come ieri ricoprono un ruolo importante nell’approvvigionamento idrico di molte città. Ma non sono mancate sessioni dedicate alle altre tipologie di cavità artificiali: opere minerarie ed estrattive, insediative civili, di culto e militari nell’ambito delle quali sono stati presentati contributi di indubbio interesse, consentendo di acquisire una panoramica aggiornata degli studi condotti negli ultimi anni in tema di cavità artificiali.

Nella sessione Monitoraggio e prevenzione sono risultati di particolare rilievo gli scenari aperti dallo studio delle variazioni climatiche attraverso le analisi geochimiche delle acque sotterranee, e dalla ricerca di siti ipogei artificiali atti ad ospitare strumentazione geofisica per il monitoraggio sismico e per lo studio di precursori sismici,entrambi condotti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, in collaborazione con associazioni speleologiche. Sono stati presentati inoltre casi campione in ordine alle problematiche connesse al dissesto geo-idrologico in ambito urbano e uno studio sulla possibilità di individuare le cavità sotterranee inaccessibili attraverso tomografie elettriche e sismiche.

Il volume degli atti è pubblicato su questa rivista.

IX Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali – Modalità telematica (Palermo) 20 Marzo 2020

Siamo spiacenti di comunicare che, a causa delle restrizioni imposte dal DPCM 1 Marzo 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, con particolare riferimento all’utilizzo di strutture pubbliche per eventi di tipo assembleare ed alla restrizione dei contatti tra i dipendenti delle pubbliche amministrazioni ed il pubblico esterno, sono venute meno le condizioni per garantire lo svolgimento in presenza del convegno in oggetto, che si svolgerà il giorno 20 Marzo in forma telematica.

Indirizzo Segreteria Convegno

Sito ufficiale del Convegno https://www.pa.ingv.it/index.php/2019/08/02/ix-convegno-nazionale-di-speleologia-in-cavita-artificiali/

segreteria.hypopa2020@gmail.com

Indirizzo per invio contributi definitivi/Edizione Atti

hypopa2020@gmail.com

Vuoi aiutarci a condividere l’evento? Download and share 😉

Congresso Italiano di Speleologia – Sessione Cavità Artificiali – call for abstract scadenza 29 febbraio

Il XXIII Congresso Nazionale di Speleologia si svolgerà nel 2020 ad Ormea (CN) dal 30 Maggio al 2 Giugno. Rappresenta un appuntamento importante per condividere progetti di ampio respiro quali, ad esempio, nuovi strumenti di divulgazione del sapere speleologico, progetti di censimento, valutazione dei fattori di rischio, opportunità di valorizzazione dei sotterranei di interesse storico.

Il Congresso accoglie anche una specifica Sessione sulle Cavità Artificiali. Il riassunto può essere inviato in lingua italiana o lingua inglese e la scelta dovrà coerentemente estendersi al contributo definitivo.

La scadenza per l’invio dei riassunti/abstract è fissata al 29 febbraio 2020, la data limite per l’invio dei contributi definitivi è fissata al 31 Marzo 2020 e per la Sessione Cavità Artificiali l’indirizzo dedicato da utilizzare è il seguente: ormeasessioneca@gmail.com

A fine testo le norme per gli Autori.

Il tempo complessivo per ciascuna sessione è di due ore, sarà quindi possibile accettare un massimo di 6-8 contributi per la presentazione orale, oltre a diversi contributi poster. In ogni caso tutti i lavori saranno inseriti in atti. 

Il sito ufficiale del Congresso è http://www.congressospeleo2020.it/

E’ gradita la massima condivisione della comunicazione per garantire la capillare diffusione verso tutti i potenziali interessati.

Apiari nella roccia dal Mediterraneo alla Cappadocia

CINQUANTA!

1969 – 2019: Cinquant’anni del Gruppo Speleologico Bergamasco le Nottole. Festeggia insieme a noi sabato 28 e domenica 29 settembre!

Nel 2019 il Gruppo Speleologico Bergamasco le Nottole compie 50 anni. Una ricorrenza importante per il nostro sodalizio, nato grazie alla curiosità e alla passione di alcuni amici per l’esplorazione del mondo sotterraneo. In questi primi 50 anni siamo passati dalle prime esperienze in grotta, alle indagini effettuate all’interno dei sotterranei della Città Alta, alle esplorazioni nelle viscere del monte Arera (provincia di Bergamo), con cavità collegate a complessi sistemi minerari, sino alle spedizioni in Messico alla ricerca di grotte inesplorate.
Sabato 28 settembre, presso l’ex carcere di Sant’Agata (Vicolo Sant’Agata, 21) nella Città Alta, presso gli spazi gestiti dall’Associazione Maite, a partire dalle 10,30, apriremo i festeggiamenti con i saluti istituzionali e una breve presentazione del Gruppo. Al termine sarà possibile una piccola rassegna fotografica relativa alle attività svolte nel corso degli anni, esposta nel corridoio delle vecchie celle di detenzione.
Dalle 14,30 prenderanno il via una serie di mini conferenze con il seguente programma:
– Ricerche speleologiche nelle cavità artificiali della Provincia di Bergamo
– Storia delle esplorazioni sotto l’Alpe Arera: gli abissi della bergamasca
– Acqua di ieri e acqua di oggi. Le acque carsiche e la loro difesa: il punto di vista dello speleologo
– Tlaloc: 20 anni di esplorazioni nei complessi carsici messicani
– La vita nella grotta
La rassegna fotografica rimarrà aperta anche domenica 29, dalle ore 10.00 alle ore 19.00
TI ASPETTIAMO!!

Il programma in dettaglio è consultabile online agli indirizzi www.nottole.it – www.maite.it

Per informazioni:
segreteria@nottole.it – +39 3332588551
Facebook: Gruppo Speleologico Bergamasco Le Nottole and MAITE – Bergamo Alta Social Club
Instagram: @nottole – @maite_bergamo_alta_social_club

HYPOGEA 2019 fourth annoncement

DOBRICH HYPOGEA
International Congress of Speleology in Artificial Cavities 2019

The 3-rd edition of HYPOGEA congress will be held in Bulgaria from 20 to 25 May 2019 and will be organized by Bulgarian Caving Society in collaboration with different Bul-garian regional museums of history and scientific institutions and under the patronages of International Union of Speleology in the face of its Commission of Artificial Cavities, Balkan Speleological Union , HYPOGEA Federation – Italy and Municipality of Dorbrich City, Bulgaria.
The third stage of the organization of the conference have been overcome. We have received 38 submissions from 81 authors together with their co-authors from 8 coun-tries: Bulgaria, Czech Republic, Germany, Italy, Russia, Serbia, Turkey, Ukraine.
Papers will be published only if the author (or at least one of the authors for joint work) has paid the Full Participant registration fees.

Registration closing date: May 1-st, 2019. You are kindly invited to send us the copy of your payment order.
E-mail to: hypogea@bgcave.org

The time for booking your accommodation is approaching. The most suitable for this purpose are the following hotels in Dobrich:
https://staria-dobrich.com/
http://hotelizida.com/
http://www.residence.bg/
http://www.villadipoletta.com/
Hotel Orehite – Dobrich
Of course, you can make your choice at one of the booking sites.

Travel information
There are different flights to Varna form Vienna, Brussels, London, Istanbul, Tel Aviv, Moscow, Kiev and other European City’s but you could land Sofia and take direct flight to Varna
In Varna airport you can rent a car or arrange transfer to Dobrich
If you have questions please don’t hesitate to contact us at: hypogea@bgcave.org

Voci dal Passato Remoto ciclo conferenze all’Acquario di Genova

QUMRAN MAIFREDI

TOPADA ANDREA BIXIO

Voci passato remoto

 

Cagliari segreta: gli incontri del mercoledì al CSI Specus

Mercoledì 8 Novembre Antonello Fruttu presenterà curiosità, aneddoti, storie e luoghi poco conosciuti della Cagliari sotterranea… e non solo.

Ingresso libero

 

Locandina Cagliari

Convegno Le cavità artificiali della Liguria. Conoscenza, valorizzazione e fruizione fra impatti e rischi

Venerdì 3 Novembre 2017 ore 9:00 – 13:00

Nell’ambito dell’incontro internazionale di speleologia FINALMENTESPELEO2017

Organizzazione: Centro Studio Sotterranei, Commissione Nazionale Cavità Artificiali, Delegazione Speleologica Ligure, Ordine Regionale Geologi della Liguria, Società Italiana di Geologia Ambientale, Società Speleologica Italiana.

 

Locandina Convegno 3.11.2017

Presentazione al pubblico della riscoperta dell’acquedotto Giove Fontanelle (Caserta)

Locandina Presentazione Giove Fontanelle

Dai primi mesi del 2016 il gruppo di speleologi composto dai Geol. Luca Cozzolino e Sossio Del Prete, gli Ing. Luca Farina e Alfredo Massimilla e dalla Dott.ssa Lucia Testa, ha avviato una ricerca allo scopo di documentare quel che resta dell’acquedotto Giove-Fontanelle, che insieme all’acquedotto di S. Elmo costituisce l’Acqua Piccola di Caserta, cioè l’insieme di opere idrauliche costruite prima dell’Acquedotto Carolino, per rifornire il cantiere della Reggia di Caserta, e successivamente utilizzata per alimentare il Real Sito di San Silvestro.

Fontanelle
L’Acqua Piccola, a dispetto del nome, ha svolto un importante ruolo per la storia di Caserta, senza aver mai ricevuto la meritata attenzione.
Le ricerche storico-archivistiche sono state affiancate da esplorazioni speleologiche che hanno permesso di riscoprire quest’opera dimenticata. Un grande contributo è venuto dalla collaborazione degli abitanti del posto.

St_Elmo
Per ringraziare della collaborazione ricevuta e per destare l’attenzione necessaria per la conservazione di quanto resta di quest’importante opera, saranno presentati i primi risultati della ricerca con fotografie e video realizzati nel corso delle esplorazioni.
Saranno presentati brevemente anche gli altri acquedotti storici della Campania e le grotte naturali dei Monti Tifatini, in particolare la Grotta di Monte Castello, recentemente esplorata per la prima volta.

Tritone

Secondario Pozzo Vetere